Organizzare la libreria e il kindle

Come siete messe a libri? Se mi assomigliate almeno un po’ temo che ne siate sommerse e che abbiate urgente bisogno di qualche consiglio per organizzare la vostra libreria ed il vostro kindle.

organizzare-kindle-libreria

L’ideale sarebbe avere lo spazio per tenere tutti i libri in un’unica libreria. Se state progettando una casa nuova a un restyling della vecchia valutate questa opzione visto che ormai ci sono moltissime soluzioni salvaspazio per non perdere nemmeno un centimetro di superficie disponibile nei nostri sempre troppo piccoli spazi di vita.

Se avete i soffitti alti sfruttate lo spazio verticale, siate creativi nella scelta dei mobili 😀 , o nel ridare nuova vita a vecchi oggetti. Non sottovalutate la possibilità di sfruttare gli angoli e di usare la libreria per separare gli ambienti.

Ma come suddividere i volumi nella libreria?

Io faccio una divisione tematica, in modo da poter ritrovare rapidamente quello che sto cercando.

Le mie categorie sono:

  • Thriller e gialli
  • Chicklit
  • Romanzi di autori sudamericani
  • Fantasy (ok, tiene due ripiani 😀 )
  • Romanzi di autori italiani
  • Saggi.

La libreria me l’ha costruita mio padre, adattandola alla mia mansarda con tetto spiovente e lasciando un doppio spazio in profondità in modo che per ogni ripiano ci siano due file di libri.

La divisione tematica è quindi fondamentale per ritrovare i vari volumi anche se sono stati collocati nella fila posteriore.

Attualmente due ripiani centrali sono dedicati a vecchi libri scolastici e a oggetti vari, ma ho in mente di spostarli per migliorare l’accessibilità a testi che consulto più spesso e che sono attualmente più “decentrati”.

Ho poi una mensola dedicata ai libri di craft proprio sopra la mia “zona creativa” e  una per i libri sulla genitorialità nella zona studio.

Ma da quando ho acquistato il kindle le cose non si sono ovviamente semplificate, anzi! Ci ho messo un po’ a trovare la soluzione ideale per le mie esigenze, ma finalmente sono venuta a capo anche delle letture elettroniche.

Anche l’e-reader dà la possibilità di creare degli scaffali virtuali, ovvero delle cartelle che io ho nominato in questo modo:

  • Romanzi
  • Saggi
  • Web e comunicazione (tutti i saggi dedicati a questo argomento)
  • Ricette (che salvo in pdf per poi inviare via mail al kindle che, scrivendo “convert” nell’oggetto) le traduce immediatamente nel giusto formato)
  • Ida (per i libri della nana)
  • Finiti (dove archivio tutti i libri che ho terminato)
  • Non finiti (per i libri abbandonati e che magari un domani deciderò di riprendere in mano).

Lo so, sono fissata con la classificazione e le cartelle, ma se c’è una cosa che detesto sono le informazioni non catalogate, il non sapere dove è cosa, il cercare un libro ovunque e non trovarlo.

Le cartelline mi danno ordine mentale, mi permettono di trovare velocemente tutto e di non farmi venire il nervoso perché non so dove ho messo quelle certe informazioni.

Allo stesso modo mi irrita molto cercare ovunque un libro, mentre se divido il tutto per argomenti (e magari anche per collana o autore) è molto più semplice cercare quello che mi serve.

Non sono ancora arrivata a etichettare i ripiani, ma solo perché se dovessi spostare qualcosa l’etichetta sarebbe un problema. Ma magari… in vernice lavagna? 😀

 

Commenti

  1. Io per 1 periodo li ordinati su .., base geografica! No sono normale mi sa!

  2. Ahhh i libri! Sono sommersa dai libri, ne ho tanti ancora da leggere, ma continuo a comprarli. Anche io li suddiviso per tematica. Come ti trovi con gli ebook? Io, non ho mai provato a leggerne uno, ma sono un pò diffidente perchè in genere la mia concentrazione a leggere su uno schermo è molto bassa, per cui rimango legata al libro tradizionale.

    • Sara Salvarani dice:

      A me il kindle piace tanto, ma ho il superbase da 59€ non retroilluminato. È quello che stanca: la luce.
      Ha l’handicap di non essere touch ma chissene!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: