La cassapanca alta – Tutorial

Io ho sempre avuto un sacco di cartone in studio.

Siccome Ida potrebbe sempre chiedermi un teatro per le marionette istantaneo, ormai non butto più nemmeno il cartoncino che c’è sul retro dei blocchi per appunti.

Quindi in studio c’è sempre stato questo enorme e antiestetico mucchio di cartone in un angolo.

Mi sono stufata e ho deciso di costruire una cassapanca!

Occorrente

  • 2 pannelli di legno 60×80 cm
  • 2 pannelli di legno 40×80 cm
  • 1 pannello 60×46 cm
  • 1 pannello 60×50 cm
  • 8 piattine di acciaio
  • 8 piattine ad angolo di acciaio
  • 2 cerniere piatte
  • viti
  • avvitatore a batteria

Procedimento

Siccome molto probabilmente non trovete il legno delle misure esatte, è facile che abbiate in mano 4 pannelli 40×80, due 40×60 e due 20×80.

Niente paura!

Prendete le piattine e le relative viti e il vostro avvitatore e unite i pannelli in questo modo:

  • i due pannelli 40×60 vanno insieme a formare il coperchio (2 piattine)
  • accoppiate un pannello da 40×80 e uno da 20×80 formando così i due pannelli 60×80 (3 piattine per ogni “unione”)

pannelli-uniti-piattine

Ricordate sempre di segnare dove vanno fatti i fori della piattina (seconda foto) e di perferare un po’ con il trapano prima di provare ad avvitare!

A questo punto potete montare la struttura unendo il fronte e il retro ai due laterali grazie alle piattine ad angolo (due per ogni unione quindi otto piattine in tutto posizionandone sempre una a 1 cm dalla parte alta e una a 1 cm dal fondo).

Con le cerniere fissate il pannello 60×50 cm al retro della struttura (ricordate che le cerniere hanno un “verso”: la parte smussata del foro va sempre verso di voi!!!!) e il fondo con le viti. Sborderà dal fronte della cassapanca, il che è agevole per aprirla 😉

Probabilmente come me non avrete proprio 60×46 cm di fondo, quindi rifilatelo col seghetto alternativo. Però se vi piace potete anche lasciarlo sbordare da un solo lato.

chiusura-cassapanca

E ora tocca alla finitura. Potete farla a piacere e infatti non ho indicato nulla nei materiali.

Io ho optato per continuare con il cerusè, quindi mano di cera bianca, attesa, pulitura.

Poi ho voluto dare un tocco in più con uno stancil di rose grigio-beige molto country. Per rifinire e non far sembrare il decoro troppo lucido l’ho fatto asciugare e poi ripassato con cera bianca.

cassapanca-cerusè-stancil

Funzionale no?

Commenti

  1. angelaercolano dice:

    bella io l’ho acquistata da ikea per i giochi dei bambini e l’ho pagato 50 euro! volevo usare anch’io questa tecnica del cerusè ma non riesco a trovare la cera bianca 🙁

  2. ma che bella!!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: