Grissini e palline di pasta madre

Ebbene sì, ho resuscitato Bianca dal frigo, ma è ancora in rianimazione quindi niente panificati seri ma solo grissini.

L’altro giorno ho appunto impastato 300 g di pasta madre con 200 g di farina, 70 di olio evo e un cucchiaino di sale e con metà impasto ho fatto i grissini. Il resto è stato sequestrato da Ida che ha fatto delle palline di impasto decorate con gomasio e maggiorana essiccata.

Il risultato le è piaciuto tanto che oggi abbiamo ripetuto usando tutto l’impasto e producendo grissini, nodini, palline e qualche forma strana :-)

panificati di pasta madre crudi

Lei era molto soddisfatta delle sue opere e anche dell’avermi schiavizzata come  “allieva” del suo corso di cucina. Lei dettava le regole come un mix di Antonella Clerici e Benedetta Parodi (dotate di frusta però) e io eseguivo. Anche perché se non eseguivo il numero di decibel delle reprimende saliva non poco. O_o

Cotti per 20 minuti a 200° sono venuti benissimo: croccanti fuori e morbidi dentro, a riprova che Bianca sta riprendendosi alla grande. La casa profumava di pane e di buono e di famiglia e di serenità e di…Ida che russava sul divano esausta dalle sue prime di inglese e dalla nuova vita dedicata all’arte bianca.

Sono spariti appena ci siamo messi a tavola. Vi consiglio di provarli perché sono eccezionali!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: