Il tavolo restaurato shabby chic

Finalmente è terminato! Non vedevo l’ora di farvelo vedere!

Cosa? Il mio “nuovo” tavolo shabby chic.

Ve lo ricordate? Era così quando i miei genitori me lo regalarono nove anni fa

tavolo di recupero

Bene, aiutata da carta vetrata, olio di gomito e la mia fida levigatrice l’ho tutto cartato

levigatura tavolo
E poi ho passato la prima mano di pittura Liberon per legno rendendomi conto che era troppo poco coprente per l’effetto che volevo!
prima mano

Così ne ho date altre quattro, per un totale di ben cinque mani! Però il risultato ora è perfetto (d’ora in avanti seguirò scrupolosamente le indicazioni di Sarah e userò idropittura da muro).

Quindi ho carteggiato dove volevo che il risultato fosse di studiata usura (aiutata molto dal fatto che il tavolo è decisamente vecchiotto e quindi molti segni c’erano già :-D )

La scatola di latta recuperata al mercatino è identica a quella dove mia nonna teneva i bottoni. Profuma d’infanzia. Non è sempre stato un buon profumo quello, ma a questa scatola sono legati dei bei ricordi quindi me la sono comprata domenica per tenerci tutti i ciapini che non so dove mettere ma “magari un giorno mi servono per qualcosa”. Un bottone, un nastrino, un ritaglio di carta.

E con la sedia fatta al corso di tecnica Shabby trovo che l’effetto complessivo sia meraviglioso!

E voi quali progetti avete fra le mani in questi giorni?

Comments

  1. Mi piace molto, brava!

  2. Io devo smontare un’intera libreria country fatta di mensole e mattoncini refrattari poggiati uno sull’altro (fatta da me). Imballare piatti, bicchieri e porcellane varie per liberare la vetrinetta, imbiancare il salone e rimontare tutto. In più dovrò cerare la vetrinetta e il tavolino e restaurare l’altro tavolo, shabbyzzandolo. Il tutto entro la prox settimana. Ho già gli scatoloni vuoti in casa.
    Ma chi me lo fa fare??? :-)

  3. Uh mi ricorda tanto tantissimo il “tavolo e sedia” che mia madre realizzò per la mia micro-stanzetta nell’appartamento che avevo al primo anno di università.. Ricordo che sulla sedia avevo un cuscino di tela jeans blu… Brava gli hai dato davvero una nuova vita!

  4. Bellissimo! sembra nato così….
    Il mio progetto tra le mani è ancora in fase di elaborazione, vorrei fare le tendine a metà vetro per il pre-ingresso della roulotte montana, per adesso sto cercando ancora il disegno giusto tra i millemila giornali di mia madre…..fretta non ne ho

  5. bellissimo!!! brava!!! che soddisfazione!!! anch’io adoro dare nuova vita alle cose vecchie: è sempre stimolante poter immaginare come poter trasformare un oggetto!!!

  6. Bello, proprio bello, bravissima. L’arte di recuperare il passato mettendoci amore è l’arte più dolce.
    Un risultato davvero notevole: con tutto quel bianco la camera cambierà luce.
    Mi hai incuriosita, mi sa che ci provo anche io…

  7. Bellissimissimo…!!!! Sob, io vorrei farne tante di ste robe ma non trovo mai il tempo.

    • mammachetesta says:

      Ora sto facendo le sedie della sala e poi attacco il tavolo e un armadio. I ♥ shabby!

  8. Wow, veramente favoloso. Io ho da poco finito alcuni mobili per una mia amica, è una faticaccia ma il risultato è sempre strepitoso!

  9. Brava davvero! Anche io mi cimento nella tecnica shabby chic e ho già all’attivo un mobiletto, un divano e un baule venuti per niente male ;) Proprio oggi ho preso un tavolo che avrà bisogno di un po’ di cure…e pensavo di sbiancarlo… Beh, lascerò sedimentare l’idea e vediamo che viene fuori! Se volete fate un giro sul mio blog http://architetto-gianchecchi.blogspot.it/ dove oltre alle realizzazioni shabby ci sono delle lampade realizzate da me con legni di bosco, restauri di mobili antichi…etc! Un saluto

  10. strelda says:

    che meraviglia di idee! penso che vi seguirò dappresso, ho una sterminata soffitta di legni e oggetti, anzi, c’è qualcuna che abita a Pordenone/Zoppola che cerca un posto dove fare i suoi capolavori e che mi può insegnare?

  11. Franca Trussardi says:

    Vorrei dare questo stupendo effetto ad un tavolo vecchio lungo 3.30 mt che veniva usato da contadini per confezionare salumi. E’ bellissimo e in ottime condizioni.
    Una volta dipinto io lo vorrei usare in sala da pranzo della mia casa quindi dovrà essere liscio e lavabile. Qualcuno mi insegna come fare indicandomi passaggi e prodotti specifici da usare compresa la vernice finale che ritengo sia fondamentale….?
    Grazie!

    • Sara Salvarani says:

      Franca, io uso lavabile da muro su consiglio di Sarah Tognetti del blog Shabby Chic Interiors. Ho frequentato uno dei suoi meravigliosi corsi e ti consiglio di fare altrettanto perché su un mobile importante come quello che descrivi è meglio non correre rischi ma farsi insegnare direttamente dalla migliore.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: