Pesantezze

OLYMPUS DIGITAL CAMERA         Ultimamente attorno a me c’è pesantezza.

O forse sono io che non riesco più a reggere il peso dei giudizi, delle non attenzioni altrui, dei “eh ma lo sai come sono fatto/a” o del “che berlo essere schietti”.

Perché alle volte il “sono fatto così” mi sembra una scusa per star comodi sulla propria poltrona pretendendo sempre che siano gli altri a muoversi e cambiare.

E perché le cose si possono dire onestamente e in modo chiaro anche stando un po’ attenti a come le si dice per non ferire il prossimo.

“Stai male vestita così” è molto peggio di “Mi piaci ancora di più con quel vestito”.

Alle volte basta davvero poco.

E invece finisco sempre per avere amaro in bocca e fiato corto perché mi sembra sempre che mi manchi qualcosa per essere amata e stimata come penso di meritare.

Perché io penso di meritarmelo se non altro perché ogni giorno provo a migliorare me stessa e invece in questo periodo prendo di quelle palate sui denti che prima o poi mi vedrete con la dentiera.

Io mi comporto come sempre, ma invece che veder tornare indietro un po’ di quell’impegno e di quell’amore che cerco di distribuire arrivano solo rispostacce e delusioni.

Insomma…ma io mi chiedo…la leggerezza, il sorriso, il sostegno a chi amiamo o stimiamo…dove sono finiti? E’ così difficile trovare il bello nelle cose e non il brutto? Vivere il positivo invece che affossarsi e affossare cercando sempre il pelo nell’uovo?

Inizio un po’ a scocciarmi anche perché a forza di sommare roba ho il cuore che mi esce dalla gola e questo non è bene.

Commenti

  1. mmmmm non mi piace 😀
    Sara, ma c’è davvero bisogno che ti diciamo quanto ti stimiamo? No, dai. Lo sai?
    Io personalmente ti ho appena fatto un appunto, ma non metto MAI in discussione, MAI, l’affetto e le tue capacità. Tu lo sai? Io comunque son qui per ribadirlo.

    • mammachetesta dice:

      Ba’ quello è stato solo un filo in più tranquilla.
      Sarà che sl lavoro è uno schifo…

      • eh, ma quel lavoro fidati che prima o poi ci riusciamo, a fartelo cambiare 😉

        • mammachetesta dice:

          Amo tanto il mio lavoro, ma me lo sento stretto addosso.
          Onestamente non dovrei lamentarmi: posto sicuro, flessibilità, possibilità di prendere permessi quando ne ho bisogno, part time, una professione per cui ho studiato.
          Ma mi sta stretto perchè on c’è crescita, non c’è investimento e perchè io so che anche lì potrei coniugare le mie “due anime” e invece niente…nessuna proposta può passare perchè la flessibilità la paghi in “non ascolto” come se fare meno ore ti rendesse deficiente.

  2. Conosco bene la sensazione del “cuore in gola” e il cardiologo quando ne abbiamo parlato sorrideva, solidale e comprensivo.

    Ci siamo dette tante volte che chi giudica e non critica in modo costruttivo non merita forse spazio nei ns pensieri e nelle ns emozioni, soprattutto se non lo fai tu nei suoi confronti.

    La bellezza e la leggerezza fanno parte del tuo mondo, basta che ti ci rifletti, quando chi ti sta intorno non è capace di restituirtene un po’.

    Con la dentiera non ti ci vedo proprio…no! Vedo quel gran bel sorriso per cui allunga il fiato, fai dei bei respironi e ributtati!

  3. Cara, proprio ieri ho fatto un post intitolato “Stanca…” in cui lamento la mia stanchezza, ma avrei potuto usare le tue stesse parole di oggi. Credo che, passato il momento – necessario – dello sfogo, sia l’ora di reagire. Il primo passo? Fregarcene di quello che dicono, o non dicono, gli altri.

  4. Cara Sara, io temo di essere una di quelle che non fa eccessivi giri di parole quando deve dire una cosa. E’ un mio grosso limite, a volte.
    E quando leggo un post del genere mi viene il groppo in gola, perchè mi rendo conto che parlare senza filtri perchè si pensa di parlare con chi è sulla tua lunghezza d’onda, spesso, può essere frainteso e fare male.

    Ciò detto, le palate sui denti, come le chiami tu, non si possono fraintendere e quelle sono date per far male.

    Chi, come te, ha voglia, bisogno (e diritto) di veder riconosciuto ogni sforzo che fa per migliorarsi, sicuramente va in crisi se circondato da così poca comprensione.
    Sono felice, come dice Barbara, che almeno la rete ti risponda in modo diverso, ti accolga e ti coccoli un po’.

    E poi però torno al mio vecchio cavallo di battaglia delle nostre antiche mail in privato: sfanculare qualcuno ogni tanto anche tu no?
    <3

    • mammachetesta dice:

      Guarda ieri l’ho fatto e oggi un paio di sassetti me li son tolta!
      Ma che fatica! Anche perchè una era la sorella scema del capo!

  5. e tu fregatene, e tu pensa a te stessa, perchè a stimarti siamo in tante. lo so che non è facile esser positive quando intorno c’è il pessimismo, e non è facile non pretendere amore, stima, affetto o semplicemente allegria da chi abbiamo accanto. che la felicità dipende solo da noi e non da chi c’è intorno è vero ma quanto è difficile metterlo in pratica. comunque noi siamo qui. un abbraccio

  6. Mammola Blogspot dice:

    Io, da persona che si mette continuamente in discussione, penso che ovviamente è più facile trincerarsi dietro un “sono fatta così” piuttosto che pensare che il fatto così si può anche cambiare… sento particolarmente questo argomento perchè lo vivo sulla mia pelle con mia mamma, lei è fatta così e io devo capire, devo perdonare e devo abbassare la testa…no, per me non funziona così, per me se vuoi il rispetto devi rispettare, se vuoi amore devi amare, se vuoi sincerità devi essere sincero e io… sono fatta così!… E ne vado fiera!!!! Ti abbraccio, ti capisco e ti sono vicina

  7. vorrei darti un consiglio, voglio sempre dare dei consigli… questa volta… ne vorrei anche io, ti capisco… a volte mi sembra di correre su un binario in solitaria

  8. capisco la tua stanchezza, mentale soprattutto. quante volte ci sono passata, e quante ancora ci dovrò passare…per gli affetti più prossimi i risultati si sono visti. per altri non valeva nemmeno la pena continuare a lottare e rimanerci male. crea priorità! ti abbraccio forte!

  9. E’ che a volte proprio le perone che amiamo di più si danno per scontate e finisce per non dargli le attenzioni che meritano!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: