Cat Sogni e Desideri – la tappa finale

Oggi Barbara ci fa fare un lavoraccio.
Almeno per me.
Che da fuori tutti vedono come iper-sicura di se stessa, ma dentro tremo come una gelatina mal riuscita.
Forse solo un paio di amiche e voi che con pazienza mi leggete da anni sapete come sono davvero.
Ecco cosa ci chiede Barbara oggi per l’ultima tappa della CaT: “provate a scrivere il vostro curriculum emotivo e lavorativo, raccontando agli altri quali sono i vostri TALENTI sia professionali che come persone. I talenti trasversali che avete acquisito fino ad oggi. Quelli che vi rendono belle come siete.”

Non so davvero come impostarlo questo lavoro.
Vediamo…
Talenti professionali:

  • so effettuare una valutazione dei rischi sia generale sia per ambiti specifici quali ergonomia, stress, incendio, rischio chimico e posso fare una valutazione preliminare per rumore, vibrazioni, radiazioni ottiche artificiali, microclima
  • so scrivere a terminale senza guardare la tastiera
  • so redigere un verbale di riunione preciso, esaustivo ma sintetico
  • so redigere procedure di sicurezza sul lavoro, tutela ambientale e qualità (non tecniche in quest’ultimo caso)
  • so gestire un gruppo di lavoro rispettando tempi di consegna e motivando i colleghi
  • so insegnare il mio lavoro
  • so tenere molto bene un’aula come docente, coinvolgendo i discenti e trasmettendo in modo chiaro i contenuti
  • so tenere l’agenda di un superiore
  • so redigere un piano investimenti o un piano industriale
  • non mi spaventa parlare davanti a un pubblico anche se “alto” professionalmente e culturalmente
  • detesto arrivare in ritardo sia agli appuntamenti che nelle consegne
  • so dire no
  • faticare mi piace
  • so organizzare il mio tempo.
Talenti personali/umani:
  • amo le persone
  • so ascoltare e aspettare che mi si chieda un consiglio prima di darlo e lo do’ solo dopo aver capito bene se è la cosa giusta da fare
  • so abbracciare chi ne ha bisogno
  • amo leggere, informarmi, sognare, comprendere
  • so raccontare le favole
  • so giocare con gli adulti e con i bambini
  • non so fare davvero bene praticamente nulla ma me la cavo in tutto e questo mi porta a volte a creare cose belle (musica, parole scritte, giochi, oggetti creativi…)
  • amo sporcarmi le mani con la terra, far crescere le cose
  • so ridere e mi piace farlo
  • mi piace anche far ridere gli altri
  • so cucinare molto bene e lo considero un atto di amore
  • i bambini e i ragazzi mi si affezionano in fretta perchè sono “solidale” e giocosa anche se trasmetto regole e insegnamenti: coinvolgente ma ferma
  • mi impegno ogni giorno per rendere il mondo migliore anche solo facendo sorridere una persona.
Sono parecchie cose, piccole ma tante.
Non so se le faccio fruttare abbastanza.
Probabilmente no, ma troverò il modo!

Commenti

  1. Beh, lasciatelo dire, sei proprio una bellissima persona!!! E on mi sembrano affatto piccole le cose che hai scritto, anzi, direi che sono straordinarie!

  2. Hai fatto un post bellissimo, e la ciliegina sulla torta è l'immagine che hai scelto! Brava!

  3. Hai fatto un post bellissimo, e la ciliegina sulla torta è l'immagine che hai scelto! Brava!

  4. Bellissimo questo post e sono veramente tante le cose che sai fare , complimenti!!!

  5. Non sembra affatto il curriculum di una persona insicura: non confondere la dolcezza e la professionalità con l'insicurezza. E non far calare mai l'autostima, perchè è molto difficile farla tornare!:-)
    Complimenti per il post!

  6. Lo sapevo che sei una persona in gamba!
    Baci

  7. Solo queste cose sai fare? A parte gli scherzi: quante cose belle!

    Passo di qua direttamente da mammafelice e lascio la mia orma.

  8. Mammachetesta dice:

    Troppo buone!

    @Rory ho fatto una fatica a tirare fuori queste cose! Io penso sempre di fare male e sbagliare. Da sempre.

  9. Anonymous dice:

    Condivido con le altre persone che hanno commentato, mi sembri una gran bella persona, e anche se dici di essere insicura, sei riuscita a descriverti e a proporci i tuoi pregi.

    Io non sono riuscita a fare neppure una tappa della CaT di Mamma Felice perché già la prima era troppo impegnativa per me – non sono assolutamente capacace di descrivermi o concretizzare in una frase ciò che sono o voglio o vorrei essere.

    Mi piace la tua onestà, un po' meno se posso permettermi la tua autocritica. E' vero che noi "sentiamo solo la tua campana" ma leggere dell'atteggiamento di DaddyBear, mi manda un po' in bestia… perché non scende dal suo piedistallo e non comincia ad apprezzare quanto tu vali, in mille modi?

    Scusami, ma è quello che mi esce di getto dal cuore.
    Ciao, Daniela

    PS – se risulto "anonimo" è solo perché non so firmarmi per bene… non ho un blog, un account, un nulla…

  10. Non farlo! Non pensare mai più di fare male e sbagliare. C'è già chi lo fa per noi, sai cosa intendo. E poi a volte forse è anche giusto far male qualcosa. E se te lo dico io che ho molte meno qualità e competenze di te, puoi crederci. 🙂
    Un abbraccio!

  11. Dimenticavo: io ti devo un grazie!:-)
    Una volta in una mail mi hai scritto una frase che mi è risuonata in testa per molto tempo (tuttora, a volte) perchè per un piccolissimo "istante" valeva anche per me.
    Beh…mi hai aiutata senza saperlo…:-)

  12. che grande che sei! a tutto tondo 🙂

    baciotti

  13. Mammachetesta dice:

    @Daniela grazie di esserti firmata (di solito per netiquette ci si firma anche da anonimi) e soprattutto per le tue belle parole. Per il discorso "crisi matrimoniale" sono alquanto categorica su questo: per me il matrimonio, al netto di cose gravi quali maltrattamenti o tradimenti senza ritorno, è indissolubile. Senza appello. Quando ho detto sì in chiesa sapevo quello che facevo e per cosa mi impegnavo.

    @Rory sai che non ricordo la mail? Sono fuorissimo!

    @Ross grazie.

  14. Anonymous dice:

    Ti rispondo, non mi permetto di giudicare il tuo matrimonio e darti consigli "terminali", anche perchè dal tuo blog si pecepisce tutto l'amore che hai per tuo marito, ma magari dargli una "scossetta" per farglielo capire, che non ti deve dare per "scontata"??
    E non mi sto riferendo a soluzioni drastiche – potrebbe essere anche solo un pomeriggio intero da passare lui DA SOLO con Belvetta senza che tu abbia lasciato la merenda fatta, il golfino per quando diventa piu freddo, giochi vari per intrattenerla, etc etc – immagino che per te sarebbe difficilissimo affidare a lui la piccola, confidando solo nel suo amore per lei, ma boh forse potrebbe essere un piccolo passo (naturalmente da fare un giorno in cui anche i suoceri siano irreperibili!!!!!!!!!!)

    PS – non ero io che ti lasciavo pillole di disillusione qualche giorno fa…..

    Daniela

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: