Leggere e riflettere! – La casta scoppia di salute (e privilegi)

Mi e’ appena arrivata questa mail.
A voi i commenti.
Inizio messaggio inoltrato:

La casta scoppia di salute (e privilegi)

Lo sapevate che i nostri 630 deputati con i loro 1109 familiari, pur percependo uno stipendio mensile di 25.000 euro, non pagano il dentista, né il fisioterapista né lo psicoterapeuta? Lo sapevate che dalle carie del nipotino alla protesi mobile dell’onorevole nonno abbiamo finanziato denti per 3 milioni e 92 mila euro? Lo sapevate che esiste un “fondo di solidarietà sanitaria” che prevede, sempre gratuitamente, per questi poveri lavoratori del dito (la maggior parte si guadagna lo stipendio cliccando su un pulsante, e neanche tutti i giorni) perfino la “balneoterapia” (leggi: vacanze al mare) e la elettroscultura (leggi: ginnastica passiva)? Io non lo sapevo. Non sapevo che questo ulteriore sconto per ricchi ci è costato, nel 2010, 10 milioni e 117 mila euro. Avrei voluto continuare a non saperlo.

Come preferirei non sapere che è pratica comune, quando si fa parte della crema della classe dirigente di questo Paese, abitare in lussuosi appartamenti senza pagare l’affitto. Penso che a Roma un posto letto in periferia uno studente fuori sede lo paga anche 800 euro al mese… penso che se hai un problema ai denti e non hai soldi sorridi con la mano davanti alla bocca e ti vergogni. Penso che se hai un problema psichico e non hai soldi te lo tieni e muori un po’ tutti i giorni, mentre in Germania, hai un tot di sedute gratuite e, se il terapeuta dimostra il tuo effettivo bisogno di cure, lo Stato paga per te. Per te cittadino, che non puoi permetterti la spesa, non per te deputato, che potresti benissimo provvedere di persona. Penso che quello è un Paese civile e il nostro meno. Penso che, se fossi una onorevole rappresentante di qualsiasi partito, lo rifiuterei, questo privilegio per privilegiati, non potendolo estendere a tutti i cittadini.

di Lidia Ravera

12 luglio 2011

======

 

Commenti

  1. Mammachetesta dice:

    Già!
    Ah, grazie per la citazione 😉

  2. la vergogna dovrebbe andarli a cercare di notte,

  3. che schifo!!!! E io mi sbatto per arrivare a 1400€ al mese e mi sto scervellando per trovare un modo di guadagnare qualche extra!!

  4. sono tante le considerazioni (dopo che il sangue mi ha ribollito per un bel po') che mi vengono in mente: la prima è il ricordo della simpatica frase del nostro ministro Gelmini sulla maternità, da lei giudicata un privilegio, quando di privilegi è proprio l'ultima a poter parlare avendo ormai diritto a un vitalizio da favola quando la maggiorparte delle sue coetanee non hanno diritto oggi alla maternità, e un domani non avranno pensione; la seconda è che abbiamo ministri e parlamentari che dicono di pulirsi il sedere con la bandiera italiana e offendono ogni giorno la nostra Repubblica, ma non disdegnano di farsi pagare lauti stipendi da quella stessa Repubblica (cioè tutti noi), che ripetono slogano come "Roma Ladrona" ma poi a Roma la poltrona se la tengono ben stretta; infine, penso che tutti noi cittadini italiani, dal momento che gli paghiamo lo stipendio con le nostre tasse, siamo di fatto i loro datori di lavoro. se noi fossimo negligenti sul lavoro almeno un quinto di quanto lo sono loro, se noi ci prendessimo a botte o ci insultassimo a vicenda con i nostri colleghi sul luogo di lavoro come spesso vediamo fare da loro in parlamento, non credo che avremmo conservato il nostro posto di lavoro. invece loro sono sempre lì, sempre gli stessi, da 30 anni e il loro modo di lavorare e la loro superficialità (da entrambe le parti) ci offende tutti.

  5. si commenta da se, no?
    nei tempi antichi, dedicare il proprio tempo al governo dello stato era considerato un onore (quando ancora questa parola aveva qualche significato), ed era un servizio svolto a titolo gratuito. Poi certo… magari il fornaio ti regalava il pane e alle terme entravi gratis. Ma svolgevi un servizio, nel vero senso del termine, non è che cercavi di mungere la vacca il più possibile x ricavarne guadagno.

    Questi signori hanno perso il senso della decenza e del decoro, e dubito che lo recupereranno tanto presto.

  6. che schifo…e che tristezza…e poi si continua a far tagli su sanità e scuola e quant'altro…

  7. Che schifo! capita a pennello con quello che stavo pensando oggi, così ti ho citata in un mio post, spero non ti scocci! 🙂 in caso dimmi che tolgo il collegamento!

  8. E lo sapevi che uno che ha messo piede in parlamento SOLO PER UN GIORNO DELLA SUA VITA prende di pensione una cifra a quattro zeri??????
    Benvenuti in Italia, il paese dei balocchi!!!!!

  9. I polli siamo noi che glielo lasciamo fare…. possibile che riusciamo a essere così passivi e accettare tutto questo?

  10. che schifo…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: