Siate selettivi, iniziate a dire di no

E qui veniamo alle note dolenti.
Almeno per me.
Io non so dire di no.

Anzi diciamolo bene, come questo gruppo di autocoscienza organizzativa richiede:

Ciao, mi chiamo Mammachetesta non so dire di no!

Ecco…ora ripetete in coro “Ciaooooooooooo Mammachetestaaaaaaaaaaaaaaa!”.
E in che condizioni mi ritrovo?
Non ho più un minuto di tempo!!!
Non faccio bene nulla.
La casa non è nemmeno decente (e stasera ho amici a cena…per fortuna amici VERI!), non sto lavorando come piace a me perchè sono talmente incasinata da non ricordare le cose (tipo che l’appuntamento con un cliente è oggi e non domani!), non riesco ad aggiornare i blog come mi piace (pubblicavo SEMPRE 2 articoli al giorno sul L’Eco della Sicurezza e ora ne pubblico solo uno e facendo i salti mortali) ed ho pocca pazienda con Belvetta.
E allora mi sono detta BASTA! Finisco il catechismo il 28 maggio e poi relax!
E soprattutto ho iniziato a dire dei no.
Ok, oggi al Bravo Ragazzo ho detto sì anche se pensavo “che due maroni” ma era una cosa urgente di lavoro e aveva bisogno.
E in fondo gli devo un favore perchè va lui a fare formazione da un mio cliente che ODIO.
Ma per il resto stop.
Martedì devo lavorare fino alle 13.00 quindi ho detto no al preparare il pranzo per i ragazzi di catechismo. “Ah, non lo porti tu alla mattina?!!?” mi hanno chiesto.
E io “NO! L’ho detto che non ci riesco”.
Evvai!
E poi il 14 avremmo le prove della cerimonia e io ho detto…”NO! Vado a praqnzo da mia madre per il mio compleanno!”.
Ahhhhhhhhhhhh!
Son piccoli passi ma ce la possiamo fare ragazze. Forza!
Tutte insieme…esercitiamoci: “NNNNNNNNNNNNNNNNNNO!” (come dice Belvetta!).

Commenti

  1. Mi iscrivo anche io a questo gruppo 😀
    E quando avremo imparato a dire di NNNNNNNNNO, impareremo anche a scansarci di mezzo metro, prima che ci colpiscano gli strali di coloro che non lo accetteranno. Perché, se è vero che bisogna imparare a dire di NO, bisogna anche imparare a "mantenerlo"!

  2. C'è una sorpresina per te sul mio blog!

  3. C'è una sorpresina per te sul mio blog!

  4. Anceh sul mio una cosa per te. mi sa che magari è la stessa di Adriana… 🙂

    Tu, per me, hai troppi impegni.
    Ti immagino come una polpessa con 500 mani che fanno tutto…… :D:D:D

    il contrario di me :D:D

  5. ahhhh no. Ho sbirciato. Non è la stessa cosa 🙂

  6. Ci provo: nnnoooooo!!!!
    Ci riesco: nnnoooo!!!!!
    In questi ultimi 15 giorni mi ha aiutato lo Smemo a dire di no ai 1000 impegni: si è bloccato a letto per la schiena e così ho saltato almeno 4-5 appuntamenti… però così non vale!

Trackbacks

  1. […] importante è che non ci sia sempre e solo il vostro nome scritto accanto ad ogni cosa da fare. Imparare a delegare è fondamentale per non soccombere ai doveri e soprattutto per ritagliare un po’ di tempo per […]

  2. […] i 35 e i 40 anni ho imparato a dire di no e per me è stata una grande rivelazione, oltre che una grande […]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: