(K)nulla – episodio 6

Questo post partecipa all’inziativa di  Navigo a Vista.

(K)nulla ai mille impegni di questo periodo.
Alle feste a scuola con tremila cose da preparare e alla ma mania di farne sempre una in più per dimostrare che sono brava anche io (tanto non serve a una mazza in ‘sto cavolo di Paesello…sarò sempre “quella di fuori”).
Al B-tondo che mi arriva stamattina chiedendo un lavoro urgentissimo (e schifoso e immane) per giovedì così da farmi saltare n pasti.
Agli impegni di gestione famigliare quali pediatra, banca, finire i regalini (PENSAVO di aver finito e invece…).
(K)nulla al fiato corto, al mio voler fare meno e meglio trovandomi invece a fare ancora di più perché tutti mi sembrano fare meglio anche quando dicono di fare meno e perché se dico “questa cosa la mollo” subito mi arriva qualcuno a dirmi che è indispensabile o mia figlia che me la chiede con quegli occhi a cui nessuno saprebbe dire di no.
E se qualcuno si chiede perché sono qui invece di fare il lavoro di cui sopra…beh mi serve staccare da ‘sto cacchio di foglio excel con mille cinquecento caselline da controllare se no impazzisco.

Commenti

  1. quoto, riquoto e ririquoto ancora…

  2. staca stacca, perchè tanto il giorno che diventerai matta perchè non hai staccato non ci sarà nessuno a dire poverina se staccava non si sarebbe ridotta così….

  3. al mio voler fare meno e meglio trovandomi invece a fare ancora di più perché tutti mi sembrano fare meglio anche quando dicono di fare meno e perché se dico "questa cosa la mollo" subito mi arriva qualcuno a dirmi che è indispensabile …
    SOTTOSCRIVO pienamente.

  4. è colpa del mese! è dicembre che risucchia energie fisiche e mentali! ma finirà, siamo quasi a metà!!!

  5. @ cocchina: finirà??? La parte più faticosa deve ancora arrivare!! 🙂

  6. e knulla al paesello

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: