Tempi lenti

Di solito la mattina io e Belvetta siamo sempre di corsa perchè cerco di lasciarla dormire il più possibile per cui in mezz’ora c’è la trafila: alzarsi, de-scoglionarsi (non è come me che mi svegliavo da piccola al grido di “Ciao mamma! Io felice!”), colazione, vasino, vestizione (queste tre fasi spesso si sovrappongono…lo so son da denuncia!), denti, faccia e via alla scuola materna.
Ma stamattina c’era la festa dei nonni e volevo arrivasse felice. E poi ho visto che dieci minuti di anticipo sul risveglio bastano a ridurre il de-scoglionamento di parecchio.
Così l’ho svegliata prima e lei ha voluto i cereali “crudi” (leggi senza latte) da mangiare “col pigiama mamma posso solo un po’?!!?”.
E io mi sono divertita a fare alcune foto ritraendo i suoi begli occhi, il suo muso mentre mangia impegnata e soprattutto i suoi piedi (piedoni? piedini?) che spuntano dal pigiama e mi fanno impazzire!

Commenti

  1. che bella!
    e poi ancora "pigiamate" (leggi: con il pigiama indosso) sono troppo tenere!

  2. che bello poter svegliare e non invece essere sempre svegliati!!!

  3. che occhi !
    splendida

  4. STUPENDA…poi ti guarda che sembra dire "a mà, ma che stai a fa'?"

  5. è uguale a te!bellissima

  6. i piccoli momenti di felicità quotidiana!

  7. @Kikka è vero!
    @Ruben abbi fede: facevo la tua vita fino alle vacanze.
    @Istinto grazie!
    @Muccachicca veramente diceva "Fammi una foto!" alternato a "Me la fai vedere?"…hihihihi!
    @MDF Sei una dei pochi che lo dice (in effetti è la copia di DaddyBEar e da me ha preso solo la bocca).
    @Francy hai ragione…sono i momenti che ti tengono in vita.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: